Alcuni dei più grandi calciatori italiani di sempre, di quale lista dovrei tener conto nel 2020?

L’Italia è una delle più grandi nazioni calcistiche del mondo. Ha vinto quattro volte i Mondiali e si è classificata seconda due volte. Questo li mette al secondo posto solo dietro al Brasile. Il campionato nazionale, la Serie A, è uno dei campionati sportivi più popolari al mondo. L’Italia è considerata il secondo paese europeo di maggior successo nel calcio. Avendo una così ricca storia del calcio, è il momento di elencare alcuni dei più leggendari calciatori italiani di tutti i tempi.

Gianni Rivera

Gianni Rivera è considerato un leggendario centrocampista che ha giocato per quasi 20 anni per i club italiani. Era noto per aver tagliato il meglio della difesa con i suoi passaggi di precisione.

Gianluigi Buffon

Gianluigi Buffon è a mani basse tra i più grandi portieri che l’Italia abbia mai visto. Non c’è dubbio sull’enorme ruolo da lui svolto durante il trionfo ai Mondiali di calcio degli Azzurri 2006 con le sue acrobatiche parate.

  • A 42 anni, Buffon continua a mettere in scena fantastiche performance con la Juventus.

Giuseppe “Peppino” Meazza

Giuseppe Meazza era conosciuto come uno dei più temibili scioperanti di sempre. In 349 partite ha segnato 242 gol e ha vinto due Mondiali con l’Italia. Ha giocato dal 1927 al 1940 e ha persino uno stadio di calcio che porta il suo nome.

Roberto Baggio

Robero Baggio è una figura molto popolare in Italia, nota per la sua brillante capacità d’attacco. I suoi fan lo chiamavano anche II Divino Codino per la sua coda di cavallo.

  • Durante l’apice della sua carriera, ha disertato dalla Fiorentina ai rivali della Juventus, ma è rimasto una figura popolare in tutto il paese. Tuttavia, un suo errore contro il Brasile è costato all’Italia un trofeo di Coppa del Mondo nel 1994, che qui viene descritto.

Sandro Mazzola

Sandro Mazzola figlio di uno dei più grandi calciatori italiani, Valentino Mazzola, morto in un incidente aereo. Sandro è stato uno dei più grandi centrocampisti dell’Italia che ha avuto una vera e propria capacità di fare gol, avendo trascorso tutta la sua carriera con l’Inter.

Christian Vieri

Christian Vieri faceva parte della squadra italiana all’inizio degli anni 2000 ed era noto per le sue incredibili capacità sorprendenti. Anche se ha giocato per quasi una dozzina di squadre durante la sua carriera, le sue stagioni più importanti sono state quelle dell’Inter. Vieri ha chiuso la sua carriera con 141 gol in Serie A dopo aver indossato le maglie di Atalanta, Juventus, Lazio, Inter, Milan e Fiorentina.

  • Ci sono altri nomi che potremmo inserire in questa lista come Giacinto Facchetti, Silvio Piola, Francesco Totti, Gianfranco Zola e molti altri ancora.
  • Questa lista non è in ordine di preferenza e speriamo che corrisponda alla vostra idea dei più grandi calciatori italiani di sempre.

Earth’s Moon Reveals An Ancient Secret

The biggest, sparkling item in Earth’s twilight night sky, our Moon has for quite some time been the wellspring of secret, fantasy, and verse – an enamoring motivation for the individuals who gaze at the sky in awe. However, Earth’s Moon is an undeniable article – the main body past our own planet that we have really walked after, leaving our waiting impressions in its far off, outsider residue. Earth’s Moon has been with us nearly from the earliest starting point, and despite the fact that it is our planet’s nearest buddy in space, it has in any case figured out how to keep a portion of its antiquated mysteries well overall. In September 2015, space experts delivered another investigation that shed light on Earth’s entrancing buddy’s antiquated and clandestine past. Despite the fact that our Moon currently seems, by all accounts, to be constant, as though it has consistently been actually equivalent to it shows up now- – experiencing its excellent and, yet, natural stages, and controlling our sea tides- – in the removed past, things were in reality altogether different.

A billion years back, our Moon was nearer to Earth than it is presently. Thus, it gave off an impression of being a lot bigger article in the sky. During that old period, if individuals had been around to observe such a sight, it would have been conceivable to see the whole Moon- – not just the one close to side face that we see now. A billion years prior, it took our Moon just twenty days to circle our planet, and Earth’s own day was significantly more limited – just eighteen hours in length. Astounding, incredibly huge tides, that were in excess of a kilometer in tallness, would recurring pattern like clockwork. Notwithstanding, things changed, as the lunar circle around our early stage planet became ever more extensive and more extensive. Yearly, Earth’s Moon moves about 1.6 inches further away into space. Right now, the lunar pace of pivot, just as the time it takes to circle our planet, are the equivalent.

Some time ago Earth had no Moon. About 4.5 billion years prior, when our old Solar System was all the while framing, the dull night sky over our early stage planet was moonless. As of now, the Earth was around 60% shaped, in spite of the fact that it had a separated covering, mantle, and center. This was an exceptionally tumultuous and fierce period in our Solar System’s past, with planets initially shaping out of masses of early stage residue, gas, and rock. During this time, every now and again compared to a “vast shooting exhibition”, crashes between the as yet shaping planets were ordinary. Circles were not as systematic as they are presently.

The most broadly acknowledged situation, clarifying our Moon’s strange and antiquated birth, is named the Giant Impact Theory. As indicated by this hypothesis, Earth’s Moon was conceived as the consequence of a huge impact between our as yet framing planet and an early stage Mars-sized protoplanet that has been named Theia. The misfortune that was the destined Theia presumably had a circle that crossed Earth’s- – making quite a disastrous crash hard to keep away from. It is believed that the affecting Theia hit our planet hard, however swiped it with a looking blow at exactly the correct point. Truth be told, Theia verged on skipping off Earth, however was gulped all things being equal. The impact dispatched stun waves over our old planet, heaving flotsam and jetsam and gas shouting into space. For a brief timeframe, Earth had a ring around it that was made out of this catapulted material.

The ring around the Earth in the end started to consolidate into masses that at that point continued to blend and make a huge and brilliantly gleaming circle – our early stage Moon. Our Moon would have seemed, by all accounts, to be multiple times bigger than it does today in Earth’s antiquated sky- – on the off chance that anybody had been around to see it.

In September 2015, another investigation gave a significant missing piece to the captivating riddle of how our Moon came to be the exquisite item that we see today.

Earth’s Moon Reveals An Ancient Secret

Numerous space experts imagine that during an old period, named the Late Heavy Bombardment, our young Moon was savagely battered by a raiding huge number of attacking space rocks that slammed onto its recently shaped surface. This assault of pelting objects from space happened around 4 billion years back, and the shower of slamming space rocks exhumed sway cavities, and furthermore sliced open profound crevices, in the lunar outside. This continued shower of savage effects expanded lunar porosity, and opened up an entwining organization of huge creases under the Moon’s surface.

In September 2015, a group of stargazers delivered their examination indicating that they have recognized districts on the furthest side of the Moon- – called the lunar good countries – that may bear the scars of this old weighty assault. This awful assault, led fundamentally by an attacking multitude of little space rocks, crushed and broke the lunar high class, abandoning scarred locales that were as permeable and broken as they could be. The cosmologists found that later effects, slamming down onto the all around intensely battered districts brought about by before assaulting space rocks, opposity affected these permeable areas. To be sure, the later effects really fixed up the breaks and diminished porosity.

The cosmologists noticed this impact in the upper layer of the lunar outside, named the megaregolith. This layer is vigorously pitted by generally little holes, estimating just 30 kilometers or less in breadth. Interestingly, the more profound layers of lunar covering, that are scarred by bigger holes, seem not to have been as seriously battered, and are, accordingly, less permeable and broke.

Dr. Jason Soderblom said in a September 10, 2015 Massachusetts Institute of Technology (MIT) Press Release that the advancement of lunar porosity can furnish researchers with significant pieces of information to the absolute most old life-supporting cycles happening in our Solar System. Dr. Soderblom is a planetary exploration researcher in MIT’s Department of Earth, Atmospheric and Planetary Sciences in Cambridge, Massachusetts.

“The entire cycle of producing permeable space inside planetary outside layers is basically significant in agreement how water gets into the subsurface. On Earth, we accept that life may have developed to some degree in the subsurface, and this is an essential component to make subsurface pockets and void spaces, and truly drives a ton of the rates at which these cycles occur. The Moon is a truly ideal spot to examine this,” Dr. Soderblom clarified in the MIT Press Release.

Dr. Soderblom and his group, including Dr. Maria Zuber, who is the E.A. Griswold Professor of Geophysics and MIT’s VP of examination, have distributed their discoveries in the September 10, 2015 issue of the diary Geophysical Research Letters.

The group of researchers utilized information assembled by NASA’s Gravity Recovery and Interior Laboratory (GRAIL) mission, made out of a team of twin shuttle that circumnavigated Earth’s Moon all through 2012, each estimating the push and pull of the different as a pointer of lunar gravity.

With the GRAIL information, the stargazers had the option to plan the gravity field both in and around more than 1,200 pits on the lunar far side. This district – the lunar good countries – is our Moon’s most intensely cratered, and subsequently most established, landscape. Vigorously cratered surfaces are more seasoned than smoother surfaces that are dispossessed of cavities. This is on the grounds that smooth surfaces demonstrate that later reemerging has happened, eradicating the more seasoned scars of effect cavities.

The stargazers at that point directed an examination called a Bouger amendment to deduct the gravitational impact of topological highlights, for example, valleys and mountains, from the all out gravity field. What is then left is the gravity field covered up underneath the lunar surface, existing inside its outside.

“There’s a suspicion we do need to make, which is that there’s no adjustments in the material itself, and that the entirety of the knocks we’re finding (in the gravity field) are from changes in the porosity and the measure of air between the stones,” Dr. Soderblom kept on clarifying in the September 10, 2015 MIT Press Release.

Dr. Soderblom determined the gravity marks both in and around 1,200 pits that had been unearthed by affecting items on the lunar far side. He at that point proceeded to contrast the gravity inside every cavity and the gravity of the encompassing landscape. Dr. Soderblom did this to decide if an effect expanded or diminished the nearby porosity.

For those pits more modest than 30 kilometers in distance across, he found effects both expanded and diminished porosity in the upper layer of the lunar outside.

“For the littlest holes that we’re seeing, we believe we’re beginning to see where the Moon has experienced so much cracking that it arrives at a point where the porosity of the hull just remains at some steady level. You can continue affecting it and you’ll hit districts where you’ll build porosity here and decline it there, however on normal it remains steady,” Dr. Soderblom kept on disclosing to the press on September 10, 2015.

The space experts found that bigger holes, which unearthed pits a lot further into the Moon’s surface, just expanded porosity in the basic hull. This shows that these more profound layers have not arrived at a consistent state in porosity, and are not as cracked as the megaregolith.

Dr. Soderblom further disclosed to the press that the gravity marks of the bigger holes particularly may reveal new insight into the quantity of effects Earth’s Moon, and different bodies in our Solar System, endured during the space rock frenzy that described the Late Heavy Bombardment.

“For the more modest pits, it resembles in case you’re filling a pail, at last your container gets full, yet on the off chance that you continue emptying cups of water into the basin, you can’t tell the number of cups of water past full you’ve gone. Taking a gander at the bigger cavities at the subsurface may give us knowledge, since that ‘can’ isn’t full yet,” Dr. Soderblom added.

L’atmosfera eterna di un piccolo mondo gelido

Il pianeta bantam Plutone è generalmente un enorme occupante di uno spazio opaco, freddo e strano a miliardi di chilometri dal brillante splendore e dal calore invitante del nostro Sole. I cosmologi stanno semplicemente iniziando a indagare su questo punto freddo e nuvoloso, dove il nostro Sole si presenta come una stella eccezionalmente enorme sospesa nell’incantatrice e abbandonata nebulosità della stanza. Tuttavia, il freddo piccolo Plutone ha un ambiente molto simile alla Terra, quando si pensa che cada come un giorno libero, a quel punto si congela sulla sua superficie, svanendo infine quando Plutone è più lontano dal Sole. In ogni caso, i cosmologi negli ultimi tempi hanno dichiarato di ritenere attualmente l’ambiente di Plutone considerevole a tal punto che non svanisce mai.

L’aria di Plutone è composta essenzialmente da azoto, più o meno come l’aria della Terra, e quel gas produce il 78% dell’aria che inaliamo – ovviamente, il clima di Plutone è significativamente più gelido del nostro. L’aria di Plutone gira inoltre con la brezza e l’atmosfera, come una netta differenza rispetto ai magri esoffi trovati su Mercurio e sulla Luna terrestre.

Il 4 maggio 2013, Plutone ha costeggiato davanti a una stella inaccessibile che dimorava nel corpo celeste del Sagittario, permettendo ai cosmologi di guardare l’aria abrogare una parte della luce stellare – e in base a queste percezioni, hanno scoperto che l’aria di Plutone era significativamente più abbondante di quell’idea .

Plutone dimora in un’area lontana e solidificata con un numero enorme di altri oggetti strani, caprioli e gelidi. In effetti, è lontano a tal punto che ci vogliono 248 anni terrestri per finire un solo cerchio attorno alla nostra stella. Prima del 2006, Plutone era visto come la terra più lontana dal Sole, ma ora Nettuno detiene quell’onore. Nel momento in cui il Dr. Michael Brown del California Institute of Technology di Pasadena, in California, trovò il pianeta bantam Eris, “Plutone indifeso” fu scacciato senza tante cerimonie dal pantheon dei pianeti significativi del nostro Sistema Solare. Eris ha circa una dimensione simile a Plutone e si muove in un luogo simile, lontano e agghiacciante. Il dottor Earthy colorato, e altri allo stesso modo, alla fine trovarono vari mondi gelidi, rotolando in uno spazio simile, chiamato Cintura di Kuiper – tuttavia, Plutone rimane in realtà il più grande nativo conosciuto. La fascia di Kuiper è una distanza molto lontana composta da corpi simili a comete, sia enormi che piccoli, che orbitano attorno al nostro Sole a una distanza di circa 35-47 unità astronomiche (UA). Un UA è la separazione media tra il nostro pianeta e il Sole, che è di 93.000.000 miglia. Plutone è stato ribattezzato come un pianeta bantam – – invece di uno significativo – – nel 2006 dall’Unione Astronomica Internazionale (IAU), in gran parte dal momento che è molto lontano da solo dove gira in un luogo poco illuminato e gelido intorno al nostro Sole – ed è inoltre straordinariamente più modesto di quanto inizialmente sospettato.

“Helpless Plutone” è stato trovato dal cosmologo americano Clyde Tombaugh nel 1930. La sua luna più grande, Charon, è stata trovata nel 1978 da James Christy, anch’egli americano. Numerosi cosmologi accettano che Caronte possa essere davvero un enorme frammento di Plutone stesso, che è stato lanciato durante un impatto tra Plutone e qualche altro mondo che si stava scatenando nella fascia di Kuiper intensamente popolata.

Per la maggior parte del ventesimo secolo, gli esperti spaziali hanno erroneamente accettato che Plutone fosse un’esistenza minimale e distaccata in cui rimase nel luogo lontano e gelido del nostro sistema solare. In ogni caso, la vera essenza di Plutone è stata confusa nel 1992, con la rivelazione del primo assoluto oggetto della cintura di Kuiper (KBO), e infine con le percezioni successive di vari e diversi mondi generalmente enormi in questo distretto sconcertante – specialmente Eris. In ogni caso, il personaggio reale di Plutone rimane oggetto di un dibattito significativo, indipendentemente dal suo downgrade da parte della IAU.

L’ambiente azotato di Plutone contiene inoltre del metano, altrettanto profondamente dannoso del monossido di carbonio, molto probabilmente a partire dal ghiaccio che ricopre la sua superficie fredda. L’ambiente di Plutone, recentemente accettato come molto discutibile, dipende da un ciclo che si basa sulle buone vie di Plutone dal Sole. Il ghiaccio superficiale si dissolve e successivamente i gas compiono un’escursione moderata e confortevole nello spazio. Man mano che Plutone si avvicina al Sole nel suo cerchio, ovviamente, diventa più caldo. Questo ciclo procede fino a quando Plutone inizia ad allontanarsi ancora una volta dal Sole, diventando sempre più freddo. Il clima di Plutone a quel punto si congela e si affretta verso il basso sulla sua superficie virale come giorno libero, forse per dissiparsi di nuovo quando Plutone inizia a serpeggiare più vicino al bagliore della nostra stella.

Gli astronomi hanno scoperto che Plutone aveva un ambiente nel 1988, quando passò davanti a un’altra stella. Nel caso in cui Plutone non avesse aria, avrebbe tagliato improvvisamente la luce della stella. A parità di condizioni, la luce delle stelle si oscurò gradualmente, dimostrando l’aria con circa un 100 millesimo del peso superficiale dell’aria terrestre. Questo è uguale all’ambiente del nostro pianeta alto circa 80 chilometri.

L’atmosfera eterna di Plutone freddo

Il 4 maggio 2013, Plutone ha fatto il suo ingresso davanti alla sostanza scintillante di una stella, e quel viaggio ha dato una chiave significativa per comprendere la vera essenza del suo ambiente, ha osservato la dott.ssa Catherine Olkin in Scientific American online del 30 settembre 2013. Il dottor Olkin è un ricercatore planetario presso il Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado. Il suo gruppo ha monitorato questa occultazione, e in un articolo presentato al diario Icaro, hanno riferito che l’aria di Plutone è in questo momento molto più densa di quanto si sia notato nella memoria recente.

Plutone è il doppio della distanza dalla nostra stella all’afelio che al perielio, e le sue stagioni dispari sono controllate dal suo strano cerchio curvo, così che il perielio si verifica al passaggio dal suo inverno settentrionale alla sua primavera.

Plutone serpeggiò più vicino al nostro Sole nel 1989, e da quel punto in poi ha viaggiato senza fine. Nel 2113, quando Plutone arriva nel suo punto più lontano dal nostro Sole, sarà 3 miliardi di chilometri più lontano e la luce del giorno sulla sua superficie solidificata sarà del 36% più vulnerabile rispetto al 1989.

“Numerosi ricercatori hanno previsto che l’ambiente di Plutone sarebbe esploso mentre si allontanava dal Sole. Avendo meno luce diurna, il gas si sarebbe consolidato sulla superficie”, ha continuato a chiarire il dottor Olkin.

Plutone è generalmente fatto di roccia, ma la sua superficie esterna è fatta di acqua ghiacciata. Alla temperatura gelida di Plutone di circa 40 Kelvin, l’acqua ghiacciata diventa dura come la roccia. In questa fase, l’azoto e inoltre il metano si muovono avanti e indietro tra i periodi di gas e ghiaccio.

Il nuovo esame raccomanda che l’ambiente di Plutone sia circa molte volte più spesso di quanto non fosse nel 1988 – andando direttamente contro le previsioni secondo cui il clima era destinato a svanire. Tutto sommato, il dottor Olkin ha incluso lo Scientific American del 30 settembre 2013, il peso più alto approva un modello che mostra che il luogo a circa cento metri sotto la superficie di Plutone trattiene il calore durante i suoi modi moderatamente vicini per affrontare il Sole – e lo libera riscaldare poco a poco, in questo modo mantenendo la superficie sufficientemente calda in modo che una parte dell’azoto climatico rimanga vaporosa. “Mentre Plutone aggira il Sole, il suo ambiente non si raccoglie del tutto”, ha continuato a chiarire il dottor Olkin. La sua collaborazione raccomanda che lo spesso strato di ghiaccio d’acqua di Plutone sia più piccolo. Ciò è dovuto al fatto che un sottosuolo più permeabile si raffredderebbe rapidamente.

La larghezza effettiva di Plutone non è sicura: potrebbe essere di soli 2.300 chilometri o estesa fino a 2.400 chilometri. L’elemento di confusione, per questa situazione, è il suo clima, che può distorcere la luce delle stelle durante le occultazioni e sconvolgere le stime della sua misurazione.

“L’età attuale è un periodo di enormi cambiamenti su Plutone. La maggior parte dei modelli [cappuccio settentrionale permanente] mostra un peso di superficie estremamente estremo da qualche parte nell’intervallo tra il 2020 e il 2040. Le percezioni abituali durante questo lasso di tempo costringeranno le proprietà del substrato di Plutone e l’avanzamento della sua aria “, chiarisce il nuovo articolo.